Moratoria COVID-19 per il credito ai consumatori

Premessa generale

Cofidis, leader europeo del credito a distanza, è da sempre vicina ai propri clienti e ha deciso di esserlo anche in un momento difficile come quello causato dall’epidemia Covid-19 che tutti quanti stiamo vivendo. 

La gravissima crisi sanitaria, economica e sociale che ha colpito il Paese, a fronte della diffusione del Covid-19, ha messo in profonda difficoltà molte famiglie che in epoche più favorevoli avevano fatto ricorso al credito ai consumatori; la perdita o la sospensione del lavoro, il venir meno dei redditi professionali compromettono la capacità di rispettare le scadenze previste per il pagamento delle rate.

Il settore del credito al consumo vuole fornire supporto e dimostrare vicinanza a tutti coloro i quali siano stati più direttamente e duramente colpiti dalla crisi economica causata dall’emergenza Covid-19; per questo motivo Cofidis, sempre attenta alle esigenze dei propri clienti, ha deciso di recepire le Linee Guida diffuse dall’associazione di categoria Assofin per una moratoria che gli operatori del settore potranno concedere ai clienti che ne faranno richiesta. Si tratta della possibilità di una sospensione temporanea dei pagamenti delle rate.

Di seguito, si riportano le linee guida seguite da Cofidis che definiscono i requisiti per inviare la domanda di accesso alla sospensione dei pagamenti.

La richiesta può essere inviata via e-mail customerservice@cofidis.it e deve contenere:

 

Beneficiari

I titolari di contratti di credito ai consumatori e di dilazioni di pagamento che, come effetto dell’emergenza Covid-19, a partire da una data successiva al 21 febbraio 2020 e sino alla data ultima del 30 settembre 2020 indicata nelle Linee Guida Assofin, si trovino in una situazione di temporanea difficoltà economica dovuta a:

Nel caso in cui il contratto di credito fosse stato stipulato da un soggetto successivamente deceduto, in assenza di polizza di protezione del credito che preveda il pagamento di un indennizzo pari al capitale residuo, l’accesso alla moratoria è concesso anche agli eredi che presentino le caratteristiche dianzi elencate.

 

Richiesta e durata

La sospensione deve essere espressamente richiesta dai possibili beneficiari e sarà concessa da Cofidis una volta verificata la presenza di una delle condizioni richieste.

Il richiedente potrà richiedere la sospensione del pagamento delle rate fino a sei mesi per i contratti di credito al consumo e fino a tre mesi per le dilazioni di pagamento, compatibilmente con la situazione del proprio contratto.

 

Finanziamenti oggetto della sospensione

Si può chiedere la sospensione del pagamento delle rate per importi finanziati superiori a 1.000 euro e superiori a 700 euro per le dilazioni di pagamento e durata originaria superiore a sei mesi, stipulate fino al momento in cui è stata lanciata la moratoria (20 aprile 2020).

La sospensione può essere richiesta per finanziamenti e per dilazioni di pagamento per le quali alla data del 21 febbraio 2020 non risultassero ritardi di pagamento tali da comportare la necessità di qualificare le relative posizioni in default o forborne, ovvero per le quali non fosse intervenuta la decadenza dal beneficio del termine o la risoluzione del contratto stesso.

Per le operazioni di Cessione del Quinto, Cofidis potrà considerare la richiesta di sospensione solo al contestuale verificarsi delle seguenti condizioni:

    1. il loro accodamento a partire dalla fine piano di ammortamento contrattuale originario;

    2. ovvero tramite eventuali trattenute da effettuarsi, anche nel corso dell’ammortamento del prestito, in via aggiuntiva rispetto a quelle già dovute ai fini del rimborso dello stesso, nel rispetto, tuttavia, dei limiti di importo e di coesistenza con altre trattenute previsti dalla legge;

 

Caratteristiche della sospensione

La sospensione riguarda il pagamento dell’intera rata mensile del finanziamento per una durata fino a 6 mesi, o della dilazione di pagamento per una durata fino a 3 mesi.

I mesi di sospensione concessi saranno comprensivi anche delle mensilità eventualmente già sospese da Cofidis con analoghe precedenti iniziative spontaneamente avviate per Covid-19.

La sospensione comporterà un prolungamento del periodo di ammortamento corrispondente alla sospensione concordata (c.d. slittamento). L’accoglimento della richiesta di sospensione non comporta alcun onere a carico del cliente (ad es. nessuna spesa di istruttoria).

Nel periodo di sospensione sono applicati interessi, calcolati sulla quota capitale delle rate oggetto della moratoria, al tasso (TAN) previsto dal contratto di finanziamento originario, per i giorni intercorrenti tra la scadenza originaria e la nuova data del pagamento, garantendo, comunque, la costanza del Net Present Value del finanziamento.

Gli interessi maturati dovranno essere rimborsati dopo il periodo di sospensione con l’aggiunta di alcune rate a fine piano: tali rate corrisponderanno all’importo degli interessi maturati nel periodo di sospensione dei pagamenti e addebitate contestualmente a ciascuna rata accodata alla quale gli interessi si riferiscono (c.d. accodamento).

In presenza di polizze assicurative che assistono il credito (rischio vita ed impiego), sarà discrezione delle compagnie prolungare la validità di dette polizze anche oltre la durata contrattuale del piano di ammortamento per il tempo necessario al pagamento delle rate sospese.

 

Modalità di formalizzazione

La formalizzazione delle modifiche contrattuali intervenute a seguito dell’applicazione della moratoria potrà essere effettuata con le modalità previste dall’art. 4 del Decreto Liquidità (DL 8 marzo 2020 n. 23).

Per qualunque chiarimento potrà prendere contatti con un nostro consulente dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 19.00 ai recapiti di seguito indicati: 800.95.55.56.


Cofidis certificazione Great Place to Work
Cofidis Ottima finanziara - Soddisfazione clienti
Cofidis soddisfazione clienti Trustpilot